martedì 22 luglio 2014

Tu sei qui: Home

Il nostro calendario

Facciamo che eravamo... archeologi!

Dove:Trieste, Giardino Storico San Michele (inglressi: via San Michele, via della Cattedrale, Androna degli Orti)

Presentazione del libro di Chiara Magrini e Lisa Zenarolla (Scienza Express edizioni). Mercoledì 18 giugno alle 10 e alle 11.30 le autrici proporranno ai bambini del Giardino Storico San Michele di Trieste la sperimentazione di una delle attività proposte nel libro: “Facciamo che eravamo... ceramisti”. La partecipazione, prevista in due turni (il primo alle 10 e il secondo alle 11.30), è GRATUITA. Età consigliata 5-12 anni. In collaborazione con ARCHEOSCUOLA e l’Associazione AnDanDes.

Presentazione di "Domitilla SOS operazione terra", di Jacopo Pasotti

Dove:Libreria Lovat

Alle 18.00 presso la Libreria Lovat di Trieste, presenteremo questo libro per ragazzi, i cui protagonisti sono una bimba (Teresa), suo fratello Antonio e l'aquila Domitilla, che si rivolge a loro con una missione straordinaria: salvare la terra che sta per spaccarsi in due come un cocomero! Jacopo Pasotti ci parlerà di come è nata Domitilla dalla sua fantasia e dalla sua esperienza professionale e gli attori della compagnia teatrale triestina "La Luna al Guinzaglio" reciteranno alcuni dialoghi tra Teresa e gli scienziati da lei incontrati nel corso della sua avventura. Un piccolo assaggio di "Domitilla SOS operazione terra" in versione teatrale, che debutterà domenica 27 aprile alle 16.00 al Teatro Miela di Trieste.

Spettacolo "Sogni d'Oro, la favola vera di Adriano Olivetti"

Dove:Piccolo Teatro Di Catania

Sogni d’oro. La favola vera di Adriano Olivetti, un’iniziativa curata e coordinata dall’Associazione Nuova Era, in collaborazione con l’ Associazione Libra, per una Nuova Economia. Perché uno spettacolo teatrale su Adriano Olivetti a Milano? Sogni d’oro. La favola vera di Adriano Olivetti non è la prima, né sarà l’ultima opera (sia essa rappresentazione teatrale o fiction) su Adriano Olivetti. Eppure questo spettacolo teatrale restituisce, o meglio svela, qualcosa che altre opere non hanno saputo trasmettere. Lo spettacolo, scritto e interpretato da Roberto Scarpa con il supporto musicale e visivo di Luca Morelli (Chitarra) e di Teresa Rosalini (Immagini) e con la regia di Luca Biagiotti, dischiude la grandezza e la vitalità del pensiero e della forza dell’azione pubblica di Adriano Olivetti orientati al bene comune. Difficile raccontare chi è stato Adriano Olivetti. Imprenditore, certamente. Ma non solo. La nota interdisciplinarietà in cui si espresse la sua attività (oltre che imprenditore, politico, urbanista, scrittore, editore, amante del design e dell’architettura e in gioventù “cospiratore”), non fa che confermare lo spessore e il carisma, che rimangono immutati dopo più di 50 anni dalla sua morte. E poi c’è la parte di Adriano più nascosta, più occulta, la parte essenziale e pulsante del suo pensiero e del suo cuore, quella vibrazione di “fuoco”, che accendeva ogni suo progetto, ogni sua azione e che costituiva il nucleo energetico e ispirativo del suo agire nel mondo. Lo spettacolo Sogni d’oro. La favola vera di Adriano Olivetti sembra restituirci la figura di Adriano più vera, più rotonda, e anche umanamente più vicina. Vedi anche: https://www.facebook.com/ilcoraggiodiunsognoitaliano